Homepage

Maison39 è una passione che è diventata progetto di vita, il progetto di vita di Sara Tassi.

Maison39 è Sara Tassi, la sua fantasia, la sua arte, messa a servizio della sua manualità, della cura certosina per i dettagli che contraddistingue tutte le sue collezioni.

La scelta del nome affonda le sue origini nel fascino che le case di moda francesi hanno da sempre esercitato su Sara, un omaggio a quegli ambienti “magici” in cui uno scampolo di seta si trasformava in un foulard, e i capi venivano pensati e realizzati rigorosamente da artigiani della moda.

39 invece è il numero fortunato della stilista toscana, oltre ad essere il prefisso dell’Italia, da sempre un marchio di garanzia di qualità. La produzione di Maison39, infatti, è 100% made in Italy!

Sara cerca e acquista tutti i tessuti che utilizza per i suoi abiti in Italia. Cura l’intero processo creativo e produttivo, dall’ideazione all’esecuzione del prodotto. È quindi un’artigiana nel senso più nobile e antico del termine: taglia, cuce, rifinisce, rammenda, perfeziona, modifica indumenti e inventa accessori. Inoltre, si avvale della collaborazione di tanti “artigiani” come lei, che espongono le loro creazioni nella sua boutique di Figline.

Nelle collezioni Maison39 ci sono dei capi ricorrenti, veri e propri must che ormai – dopo otto anni di attività – identificano Sara nell’universo della moda. Sono mantelle e cardigan, pezzi che tornano rivisitati di stagione in stagione nei tessuti e nella fantasia, a fianco dei nuovi modelli, sempre caratterizzati da freschezza d’ immagine e meravigliosa vestibilità. Mantelle e cardigan non hanno età, ognuno li interpreta come vuole, sono capi oversize che vestono bene tutte le donne e soddisfano il loro gusto estetico.

Le collezioni si rivolgono ad un pubblico femminile svariato, che ha in comune l’originalità nelle forme, nei colori e la voglia di non prendersi mai troppo sul serio.

 

Chi sono

Toscana doc diplomata al Polimoda di Firenze, già da piccola avevo le idee chiare su quale dovesse essere il mio mestiere. E infatti a scuola risolvevo i problemi di matematica disegnando i bambini e le bambine come se fossero dei figurini.

Oggi faccio la stilista o – come si dice in gergo – la fashion designer, anche se io preferisco pensarmi come un’artigiana della moda, perché senza la mia macchina da cucire mi sento persa. La macchina da cucire è diventata il simbolo della mia più grande passione: la sartoria, in cui arte e manualità si coniugano in un particolarissimo compromesso estetico quale è la creazione di un abito.

Progetto e disegno le mie collezioni a Figline, nel mio eclettico atelier/laboratorio, uno spazio in cui traduco la mia curiosa creatività in moda, una finestra sul mio modo di pensare e creare abiti, la vetrina del mio stile.

I viaggi sono spesso il motore propulsivo che ispira le mie creazioni, ma i tessuti… Sono loro che cercano me: fino a quando non li ho selezionati – in base all’estetica e all’impatto emotivo che l’immagine di un capo realizzato con quel materiale può darmi – non riesco nemmeno a dare forma alle scintille che ho dentro la testa.

Adoro andare in bici, il mio animo ecologista rifiuta lo smog, il traffico della città ma anche lo stress e la vita frenetica. Cerco il sole ovunque perché la luce porta sorrisi, allegria e stimola la mia fantasia.

Eletta nel 2015 Presidente di Confartigianato Moda Firenze, dopo una lunga gavetta come Responsabile Ufficio Stile per nomi importanti della moda italiana, nel 2009 ho deciso di fondare una mia linea d’abbigliamento. Con una sana dose di follia creativa è nata Maison39, un brand rigorosamente made in Italy che si distingue per qualità dei tessuti, originalità dei capi e sartorialità.

Vale sempre la pena rischiare se si desidera fortemente qualcosa. E io ho accettato la sfida di realizzare il mio sogno, senza lasciarmi atterrire dai dubbi, dagli ostacoli. All’inizio è stata dura, contare solo sulle proprie forze può far paura ma è anche una liberazione, perché come dice il saggio Oscar Wilde: “Ciò che non abbiamo osato, abbiamo certamente perduto”.

Da quel primo gesto di “visionaria follia” sono passati sette anni. Anni stupendi, in cui il duro lavoro è stato ripagato da grandi soddisfazioni. E quindi oggi eccomi qui: il mio amore per la moda è intatto come il primo giorno che ho deciso di tradurre la mia fantasia in linee e colori.

 

Contatti

Per info generali: maison39@live.it
Se sei una boutique e vuoi collaborare con Maison39: buyer@maison39.com